ottobre 2012 “Trasparenza non significa automaticamente pubblicizzazione del male che porta allo scandalo”.

Trasparenza non significa automaticamente pubblicizzazione del male che porta allo scandalo”. Questo pare essere  il pensiero della chiesa riguardo gli sprechi come può essere facilmente riassunto dalle parole del cardinale Giuseppe Versaldi.    A sostegno  il cardinale , vice capo della Prefettura vaticana degli Affari economici, indica la logica che nei confronti di chi commette errori nell’amministrazione deve valere anzitutto “la presunzione di buona intenzione e di onestà”, finché non sia stato “dimostrato il contrario”, anziché la “facile accusa di interesse o di potere personale”. Un sostegno indiretto alla posizione di diversi media Cattolici che indicano la colpa degli “errori di Governatori e Amministratori” è da imputare ai credenti Cattolici che non hanno pregato sufficientemente e assistito spiritualmente questi “Signori”. Bisogna riflette sulla  situazione finanziaria del governatorato Vaticano che precedentemente al 2010 era  già fortemente debilitata causa  la crisi mondiale, con  perdite di oltre il 50-60 per cento. Certamente la posizione della Chiesa  si riferisce  per i risultati strabilianti, che hanno prodotto  risanando le finanze vaticane,  infatti nel 2010 si è registrato un avanzo di circa 36.452.797 euro contro un deficit del 2009 pari a circa 8.000.000 di  euro. Una avanzo che supera, in questo momento di crisi,   solo i guadagni de l’industria Alimentare nel settore Alcolici.

Questo mentre in Italia la prima  parte dell’imposta del 2012  legata alla congiuntura economica del paese, l’IVA, ha procurato allo Stato un gettito in calo dell’1.5% per un ammanco di circa 880 milioni di euro. Mentre per la vicenda legata alla Chiesa per il pagamento dell’Imu, pare che i primi i adempimenti siano previsti per metà del  2013 dimenticando le retroattività non pagate  e zittendo anche  radicali, nonché gli autori dell’esposto del 2006 presentato alla Commissione europea secondo cui lo Stato italiano avrebbe dato degli aiuti illegittimi al Vaticano.
Confinando nella parte già sofferente degli Italiani  nel fargli portare tutto il peso della Santa Croce mentre i potenti se ne liberano del peso!  Inoltre gli Enti ecclesiastici hanno tentato di sottrarsi all’obbligo del pagamento dell’imposta ne è nato un contenzioso finito nel 2004 davanti alla Corte di Cassazione che ha condannato a pagare la Chiesa l’importo dell’evasione con gli interessi. Questo con una perdita secondo i calcoli effettuati dall’Anci (l’associazione dei comuni italiani) compresa tra 500 e 600 milioni di euro annuali.  
Nel contempo tutta la classe politica dirigente Cattolica è indicata da malefatte soprusi di corruzione e malaffare. L’informazione definisce “incredibile” il flusso di denaro sporco scorre tra l’Italia e la Germania, denunciato davanti alla Commissione finanze del Bundestag, la camera bassa del Parlamento tedesco. Di tutti i Paesi Europei, la Germania è uno dei paesi più richiesti dalla mafia – ndrangheta ecc, per riciclare il denaro sporco: Il contagio aumenta e tra qualche anno i cittadini Europei andando all’estero potranno vantarsi come già noi Italiani nel sentirsi apostrofare “Europeo? MAFIA!”.
 
La situazione precipita è pesante, nelle ultime ore è stato  arrestato  ex-dirigente Finmeccanica, per corruzione internazionale nell’ambito di un’inchiesta della procura di Napoli su forniture all’estero da parte del gruppo aerospaziale. e potrebbe riservare nuove sorprese e nuovi collegamenti specie per la questione traghetti e navi.
 
In Lazio i consiglieri prendono ancora lo stipendio. Il rimborso chilometrico è di nove mila euro al mese più diarie varie.
In Lombardia,   regione bis per Formigoni,  pertanto si prosegue con la non trasparenza e la sussidiarietà imperante. “Cambiano ii suonatori ma la musica è sempre la stessa”. In Regione una squadra di politici (almeno quattro: tre targati Pdl e uno Lega) e tecnici. Una squadra, che” mangerà il panettone” e che vivrà (almeno) fino all’election day. 
Il Carroccio,  uscito dal rimpasto di metà legislatura con la conferma del suo vicepresidente, presenta  un Maroni e un Salvini, potenziali  vincitori delle prossime elezioni, questi hanno convissuto con le più grosse porcate mai fatte ma non si sono accorti di nulla, non hanno mai visto ne sentito, pertanto con grandi crediti da esigere nei confronti di quelli che non hanno visto.
Questo quando   mentre la Suprema Corte di Cassazione conferma e prova che D’Alema nel 1994, stipulò un patto con Silvio Berlusconi, circa il fatto che il suo impero mediatico non sarebbe stato toccato. Forse ignorava che il 69,3% degli italiani decide come votare guardando la TV”. Impossibile credere all’ignoranza si trattava ma un consapevole patto scellerato tra D’Alema e il suo amico di Arcore. Un regime nato e cresciuto sui rapporti con la mafia stragista, sui servizi deviati alleati della mafia, sui poteri occulti, sulle ingiustizie sociali, sui potentati economici, sulla umiliazione della scuola pubblica e dell’Università” e nel nome della Santa alleanza per L’operation Allied Force, campagna di attacchi aerei portata avanti per circa due mesi contro la Repubblica Federale di Jugoslavia che li vide protagonisti e registi.
 Non possiamo pertanto che ringraziare una certa sinistra per la  longevità di Berlusconi e per tutte le pene che ci ha inflitto sostenendo indirettamente la politica del Dott. Prodi nella conversione della Lira in Euro!
Pochi cenni, su questo punto per non fare dimenticare  l’inizio del nostro disastro.
La negatività principale è stato il fattore variabile secondo classe sociale del cambio lira- euro 2 contro 1.

Tale fattore, con un cambio a noi assolutamente negativo, di fatto dimezzava in un colpo solo la dinamica salariale dei lavoratori e pensionati. Questo avveniva mentre aumentava il costo del carrello della spesa; senza riuscire ad invertire a partire dal 2001, l’equilibrio salari-costo della vita. Infatti i salari, tra un mancato corretto cambio lira/euro, ed euro-costo della vita, ha prodotto sulla busta paga, dal giorno dell’introduzione dell’euro, una penalizzazione esagerata. Il salasso per le 
famiglie è stato del 50%. Mentre il guadagno da parte di professionisti avvocati in prima linea,  è stato di oltre il  75%!.  Questo avido guadagno è sostenuto da una classe politica che ha  avallato questo sistema per confidare sull’appoggio di professionisti e immobiliaristi,  aumentando anche i costi anche degli affitti nell’edilizia pubblica al fine di sostenere la bolla immobiliare e spostare il sistema verso una destra conservatrice e avida, purtroppo oramai come provato, supportata oltre che da queste classi sociali dalla mafia, dalla ndrangheta e dall’evasione fiscale.!
 

 
 
Annunci

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs - Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. - Sapere aude! . "abbi il coraggio di conoscere!"

Tagged with: ,
Pubblicato su Articoli
  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: